18 Settembre 2021
[]
news
percorso: Home > news > Terni

75 anni fa il referendum che faceva dell'Italia una Repubblica

03-06-2021 09:56 - Terni
L'anno 1946 fu per l'Italia un anno importante perché il 2 giugno 1946 (domenica) si svolse il
referendum istituzionale, cioè il popolo italiano doveva scegliere tra monarchia e repubblica ( si
votava anche il lunedì, fino alle 12). C’era un bel sole in tutta la penisola e tutto si svolse con
tranquillità, anche se le file cominciarono fin dalle prime ore di mattina. Avevano fretta i cittadini
italiani, a sentirsi protagonisti, finalmente era giunta l’ora del suffragio universale . Per la prima
volta, infatti, potettero pronunciarsi tutte le donne.
A dire il vero, per alcune di loro, era già accaduto qualche mese prima, il 10 marzo ( ma erano
elezioni amministrative che riguardavano 436 comuni (nei cui consigli comunali vennero però elette
2000 donne).
Il 2 giugno 1946 era anche l’anniversario della morte di Giuseppe Garibaldi e forse anche questo è
stato un buon auspicio per la Repubblica. In quella stessa giornata non c’era in ballo solo il
referendum istituzionale, ma anche l’elezione dei rappresentanti dei partiti politici, preposti a
formare l’ Assemblea Costituente che avrebbe iniziato i lavori il 24 giugno 1946.
Si recarono alle urne in 24.947.187 (su 28.055.449 aventi diritto) , una percentuale dell’89,1% . A
favore della Repubblica si espressero in 12.717.923, per la monarchia 10.719.284, le schede nulle
furono 1.498.136.
Un passaggio storico tanto atteso e fondamentale per tutti i cittadini duramente provati da una
stagione di guerre e dalla dittatura. Il referendum del 2 giugno 1946, consentì all'Italia di
intraprendere il percorso della democrazia, del progresso sociale, dello sviluppo. Il Presidente
Sergio Mattarella, in occasione della Festa della Repubblica di quest’anno ha parlato, attraverso i
Prefetti, a tutte le comunità del territorio nazionale “... Se ora possiamo guardare con maggiore
fiducia al futuro, è soprattutto grazie alla ricchezza di risorse che il Paese ha saputo trovare o
riscoprire e all’apporto unitario che ciascuno, non senza sacrificio, ha offerto.... Con l’auspicio
che la Festa della Repubblica possa essere l’occasione di una rinnovata riflessione sui valori di
libertà, uguaglianza e democrazia alla base della scelta repubblicana e della Carta costituzionale,
punto di sicuro orientamento anche nell’attuale passaggio storico, rivolgo a voi Prefetti e a tutte le
Istituzioni locali i più sentiti auguri di buon lavoro”.
Alle 10 la deposizione di una corona d'alloro al Milite Ignoto da parte del Prefetto di Terni, Emilio
Dario Sensi, e del Sindaco di Terni, Avv. Leonardo Latini. Presenti le Istituzioni civili, militari e
religiose (vescovo Giuseppe Piemontese) le associazioni combattentistiche e d'arma con i propri
Labari o Vessilli (Associazione Nazionale Alpini, Associazione Nazionale Bersaglieri,
Associazione Nazionale Carristi d’Italia, Associazione Nazionale Carabinieri, Associazione Mutilati
e Invalidi di Guerra, Associazione Arma Aeronautica, Associazione Nazionale Autieri d'Italia,
Associazione Vittime Civili di Guerra, Associazione Nazionale della Polizia di Stato, Associazione
Nazionale Combattenti e Reduci, ANVG Federazione provinciale di Terni, ANPI Associazione
Nazionale Partigiani d’Italia, Associazione Nazionale 'Cremonini’, Gruppo Combattimento
Cremona, ANPPIA Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, etc.),
l’Associazione Culturale Unla e sportive FIASP, UNVS e tante altre associazioni.
Giocondo Talamonti

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account